Ordinanza numero 11 Commissario Palazzo

“Realizzazione asse ferroviario Palermo – Catania – Messina”

Nuovo collegamento Palermo – Catania

Lotto 1 + 2: tratta Fiumetorto – Lercara Diramazione

(CUP J11H03000180001)

Avvio della Conferenza di Servizi secondo la procedura di cui all’art. 44, commi 1-

bis, 4, 5 e 6 del DL 77/2021, convertito con modificazioni nella L. 108/202 e s.m.i.

 

Il Commissario

 

- VISTA la legge 11 novembre 2014, n. 164 di conversione, con modificazioni, del decreto- legge 12 settembre 2014, n. 133, e visto in particolare l’art. 1, comma 1, che ha nominato l’Amministratore Delegato di Ferrovie dello Stato Italiane S.p.A.  Commissario per la realizzazione delle opere relative agli Assi ferroviari Napoli-Bari e Palermo-Catania-Messina di cui al Programma Infrastrutture Strategiche previsto dalla legge 21 dicembre 2001, n. 443 senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica allo scopo di potere celermente stabilire le condizioni per l’effettiva realizzazione delle relative opere e quindi potere avviare i lavori di parte dell’intero tracciato entro e non oltre il 31 ottobre 2015.

- VISTO l’art. 7, comma 9-bis, della legge 26 febbraio 2016 n. 21 di conversione con modificazioni del decreto legge 30 dicembre 2015 n. 210, con il quale è stato prorogato al 30 settembre 2017 il termine di cui all’art. 1, comma 1, primo periodo del decreto

legge n. 133/2014 convertito dalla legge n. 164/2014, nonché sono state sostituite le parole “Ferrovie dello Stato S.p.A.” con le parole “Rete Ferroviaria Italiana S.p.A.” con conseguente subentro nella carica di Commissario per la realizzazione delle opere relative agli assi ferroviari Napoli- Bari e Palermo-Catania-Messina dell’Amministratore Delegato di Rete Ferroviaria Italiana S.p.A..

- VISTO l’art. 1, comma 1138, della legge 27 dicembre 2017 n. 205 con il quale è stato prorogato al 31 dicembre 2020 il suddetto termine di cui all’art. 1 comma 1 primo periodo della normativa sopra citata.

- VISTA la Delibera della Giunta Regionale di Governo numero 364 del 31 agosto 2017 di apprezzamento della proposta di Project Review del progetto del nuovo collegamento ferroviario tra Palermo e Catania dettagliata da RFI con nota RFI-CONA-BA-PA-CT-ME\A0011\P\2017\00012 del 17/7/2017.

- VISTA la nota RFI-CO-NA-BA-PA-CT-ME\A0011\P\2019\0009 del 25/7/2019 di trasmissione alla Regione Siciliana, al MIT e alla Agenzia per la Coesione Territoriale dello “Scenario Tecnico Nuovo collegamento ferroviario Palermo - Catania. Aggiornamento 2019”.

- VISTO il decreto-legge 18 aprile 2019, n. 32 convertito con modificazioni nella legge 14 giugno 2019, n. 55, ed in particolare l’art. 4, comma 1, come sostituito dal decretolegge 16 luglio 2020, n. 76 convertito con modificazioni dalla legge 11 settembre 2020, n. 120, che prevede l’individuazione, mediante decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri, degli interventi infrastrutturali caratterizzati da un elevato grado di complessità progettuale, da una particolare difficoltà esecutiva o attuativa, da complessità delle procedure tecnico-amministrative ovvero che comportano un rilevante impatto sul tessuto socio-economico a livello nazionale, regionale o locale e la contestuale nomina di Commissari straordinari per la realizzazione degli interventi medesimi;

- VISTO l’art. 13 comma 14-bis del DL 183/2020 convertito con modificazioni dalla legge 26 febbraio 2020 n. 21 con il quale è stato prorogato al 31 dicembre 2021 il termine fissato con la legge 205/2017 e comunque, se anteriore, fino alla nomina dei Commissari straordinari prevista all’art 4, come 1, del DL 18 aprile 2019, n. 32 convertito con modificazioni dalla legge 14 giugno 2019 n. 55. 

- Visto il DPCM del 16 aprile 2021 con il quale sono stati individuati nell’allegato elenco 1 allo stesso decreto, ai sensi dell’art. 4, comma 1, della legge 14 giugno 2029, n. 55, la “Linea Palermo-Trapani Via Milo” e la “Realizzazione Asse AV/AC Palermo-Catania- Messina”;

- Visto l’art. 2 del sopra citato DPCM, con il quale è stato nominato l'Ing. Filippo Palazzo, già Dirigente di RFI S.p.A., Commissario straordinario per gli interventi infrastrutturali di propria competenza tra quelli individuati dall’art. 1 del medesimo decreto;

- Vista l’Ordinanza n. 1 del 6 agosto 2021, con la quale il Commissario ha adottato le disposizioni organizzative di cui alla L. n. 55/2019 e s.m.i. aventi a riferimento la “Linea Palermo-Trapani via Milo” e la “Realizzazione Asse Palermo-Catania-Messina” da attuarsi secondo l’iter procedurale di cui alle Linee guida con la CO n. 585/AD di RFI del 10 maggio 2021;

- Vista l’Ordinanza n. 3 dell’11 agosto 2021, con la quale il Commissario ha approvato il Programma generale delle attività da attuare per la “Realizzazione Asse Palermo- Catania-Messina”;

- Visto l’allegato IV del DL 77/2021, convertito con modifiche dalla legge n. 108 del 29 giugno 2021, nel quale è inserito l’intervento relativo alla “Realizzazione asse ferroviario Palermo-Catania-Messina”;

- Visto l'art. 44 del DL 77/2021 convertito con legge n. 108 del 29 giugno 2021 che disciplina la procedura per l'approvazione del progetto definitivo mediante la Conferenza di Servizi convocata dalla stazione appaltante, da svolgere in forma semplificata ai sensi dell’art. 14-bis della legge 241/1990 e s.m.i.;

- Visto l’articolo 6 del DL n. 152 del 06/11/2021 convertito con modificazioni dalla legge 29 luglio 2021 n. 108;

- Vista la nota RFI-DIN-DIS\A0011\P\2022\00024 del 21/01/2022, con la quale il Direttore Investimenti Area Sud di RFI, al termine della procedura interna di RFI descritta nella C.O. n. 585/AD del 10 maggio 2021, ha trasmesso la Relazione Informativa per il Commissario sull'avvio dell’iter autorizzativo, ai sensi dell’art. 44, commi 4, 5 e 6 del DL 77/2021 convertito con modificazioni dalla Legge 108/2021.

 

PRENDE ATTO 

del contenuto dell’Informativa elaborata da RFI S.p.A. sul progetto definitivo del “Lotto funzionale 1 + 2: tratta Fiumetorto – Lercara Diramazione del collegamento Palermo Catania”, in particolare tra l'altro:

- Che, a seguito della richiesta avanzata con nota RFI-DIN-DIS.CT\A0011\P\2020\69 del 20 febbraio 2020, è stato reso ai sensi dell’art. 215 del D. Lgs. 50/2016 dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici il parere n. 26/2020 del 20 aprile 2021 trasmesso con nota prot. 4895 del 11 maggio 2021 con prescrizioni, raccomandazioni e osservazioni.

- Che con nota RFI-DIN-DIS.CT\A0011\P\2020\264 del 03 giugno 2020 è stata affidata all'Organismo di Ispezione di tipo B (ODI) di RFI, accreditato ai sensi della norma europea UNI CEI EN ISO/IEC 17020 l'attività di verifica del progetto previsto all'articolo 26 comma 6 lettera a) del decreto legislativo 50 del 2016 ai fini della validazione del progetto da porre a base di gara, verificando quanto prescritto dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici con il parere 26/2020 compresa la eventuale deroga riguardante le viabilità NV06e NV20 da ottenere dal Provveditorato OO.PP. della Sicilia e Calabria.

- Che il progetto definitivo dell'opera in argomento, con l'ultima revisione degli elaborati indicati nei documenti RS3Z00D05RGMD0002A “Relazione di osservanza al Parere del CSLLPP” e RS3Z00D05RGMD0003A “Relazione di analisi tecnica e riscontro del Rapporto di Ispezione emesso da parte dell’OdI di RFI in data 27/11/2020” , è stato approvato in linea tecnica ai fini dell’avvio dell’iter di approvazione dal Referente di Progetto con nota protocollo RFI-DIN-DIS.CT\A0011\P\2021\0019 del 13 gennaio 2022.

- Che l'articolo 44 rubricato "Semplificazioni procedurali in materia di opere pubbliche di particolare complessità o di rilevante impatto" del DL 31 maggio 2021 n. 77, convertito con modificazioni della legge 29 luglio 2021 n. 108, prevede per gli interventi inseriti nell'allegato IV delle procedure semplificate.

- Che nell’Allegato IV è compreso l'intervento in oggetto sul cui progetto definitivo è stato conseguito il parere del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici e pertanto, in conformità a quanto stabilito dal comma 1-bis dell'articolo 44, verrà convocata a cura della Stazione Appaltante RFI la Conferenza di Servizi di cui al comma 4 dell'articolo 44, svolta in forma semplificata ai sensi dell’articolo 14-bis della legge 241/1990 e s.m.i., nell'ambito della quale saranno acquisiti tutti i pareri, i nullaosta e le autorizzazioni necessari ai fini realizzativi dell'opera, ivi inclusa la risoluzione delle interferenze.

- Che la procedura ambientale si svolgerà in conformità agli articoli 23, 24 e 25 del decreto legislativo n. 152/2006 con le tempistiche modificate dal DL n. 77/2021, convertito con modificazioni nella legge n. 108/2021 e dimezzate -eccetto quelle di cui all’art. 24, comma 3, del D. Lgs. 152/2006- in forza di quanto stabilito dall’art. 53-bis, comma 3, secondo periodo del DL 77/2021 introdotto dall’art. 6 del DL 152/2021 convertito con la legge 29 dicembre 2021 n. 233; il progetto sarà valutato dalla Commissione Tecnica PNRR-PNIEC, di cui all'articolo 8 comma 2-bis del decreto legislativo 152/2006, in ottemperanza a quanto disposto dall'ultimo periodo del comma 3 dell'articolo 44 del DL 77/2021.

- Che la determinazione conclusiva perfeziona, ad ogni fine urbanistico e edilizio, l’intesa tra Stato e Regione Siciliana in ordine alla localizzazione dell’opera, avrà effetto di variante degli strumenti urbanistici vigenti, comprenderà il provvedimento di VIA e i titoli abilitativi rilasciati per la realizzazione e l’esercizio del progetto, recandone l’indicazione esplicita.

- Che la variante urbanistica, conseguente alla determinazione conclusiva della conferenza, comporterà l'assoggettamento delle aree interessate dalle opere a vincolo preordinato all'esproprio ai sensi dell'art. 10 del DPR del 8 giugno 2001, n. 327 e determinerà la dichiarazione di pubblica utilità dell’opera ai sensi degli articoli 12 e seguenti del medesimo DPR. A tal fine, le comunicazioni agli interessati saranno effettuate a cura di RFI ai sensi dell'articolo 14, comma 5, della L. 241/1990 e terranno luogo della fase partecipativa di cui all'art. 11 del predetto DPR 327/2001, integrate ai fini della dichiarazione della pubblica utilità di cui all’art. 16 del medesimo DPR, in conformità a quanto stabilito dal comma 6-bis dell’art. 44 del DL 77/2021, introdotto dal comma 2-bis dell’art. 6 della Legge 29 dicembre 2021, n. 233 di conversione del DL 152/2021.

- Che il costo complessivo a vita intera dell’opera pari a 1.442,98 milioni di euro come da QE allegato alla Relazione Informativa.

La presente Ordinanza è pubblicata sulle pagine del sito internet del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili e di FS Italiane dedicate alle opere commissariate.

 

Il Commissario Straordinario Filippo Palazzo

Condividi:
Condividi su Google Plus